Blog: http://attimofuggente.ilcannocchiale.it

flusso di coscienza...stop blog

non so cosa sia questo profondo magone...pensieroso davanti un tavolo percepivo un gemito interiore al quale non so dare caratterizzazione. Spesso non si capisce cosa frena le nostre azioni. Non è ciò che provo però. Non capisco come in un  momento così importante io non trovi fantasia ed ottimismo per affrontarlo. Non è depressione. Non ho paura di finire bollito in un reparto insipido di ospedale ad ingoiare farmaci. Non sono certo il tipo che affonda così facilmente, ma per la prima volte ho scoperto qualcosa più forte di me. Un futuro che non è come lo disegnavi da bambino, l'amore non è come una rosa da cercare in un giardino fiorito. Tutto sembra essersi così destabilizzato e non trovo il valore aggiunto nelle cose per continuare a fare ciò che da tempo sto costruendo. Era da molto che non scrivevo liberamente ciò che vivo e non ciò che penso. Anche questo proabilmente fa di me una  pagina fragile. La incapacità di far passare le  emozioni dentro senza fermarle e riviverle cento volte tanto rischiando spesso di renderle irripetibili e quindi introvabili in altri luoghi del nostro es. La fragilità di una ricerca continua di luoghi dove sconvolgere il corso della vita attraverso istanti pieni di senso. La incapacità di lasciare scorrere ciò che dico  per non sembrar così fragile.
Occorre forse lasciare un pò e partire. Perdere di vista questo luogo e la sua monotonia ormai devastante. Non saranno biirre ed altro a farmi abbandonare. Non sono stupido.
Da oggi non aggiorno il blog, non credo abbia altro da aggiungere.
Aspetto un segnale positivo dall 'esistere e tornerò a parlare di attimifuggenti.

Pubblicato il 16/2/2008 alle 22.23 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web